Spazio e tempo per le parole che curano. Il gruppo: un ponte tra individuo e istituzioni

Esaurito

Descrizione

Spazio e tempo per le parole che curano. Il gruppo: un ponte tra individuo e istituzioni

GILBERTO DI PETTA, RAFFAELE BARONE Chair ALESSANDRA SILVESTRO

Il presente seminario si svolgerà in FORMATO WEBINAR

Anche il penultimo seminario del nostro Ciclo sarà in modalità on line; abbiamo apportato alcune modifiche al programma, pur rispettando il tema ispiratore dell’intero ciclo: la cura delle parole: tradizioni e innovazioni nelle reti relazionali

Gli interventi dei relatori principali andranno ad esplorare la polivalenza del dialogo, attraversando territori innovativi per l’incontro con chi soffre e sollecita premura e attenzione.

Poiché l’assetto del seminario si ispira al modello  del “Dialogo Aperto”,  proseguiremo i lavori nella mattinata dedicando uno spazio alle riflessioni del Team Riflessivo”, ovvero un gruppo di professionisti che porteranno idee, immagini, emozioni e possibili associazioni nate dall’ascolto delle relazioni. Concluderemo con una conversazione collettiva fra i relatori , il team riflessivo e alcuni stimoli dal pubblico.

“Consideriamo il Dialogo Aperto non un metodo, ma uno stile di vita. Quando nasciamo, la seconda cosa che impariamo a fare, dopo respirare, è quella di coinvolgerci in relazioni dialogiche. Questo significa che quando organizziamo gli incontri di Dialogo Aperto stiamo tornando all’idea davvero essenziale, basica, della vita umana, non stiamo applicando un metodo”. Jaakko Seikkula inventore del Dialogo Aperto.

Per approfondimenti, consulta l’articolo in italiano

Sull’Open Dialogue: GLI ELEMENTI CHIAVE DELLA PRATICA DIALOGICA NEL DIALOGO APERTO: CRITERI DI FEDELTA’

Programma

  • 9.00-9.15 introduzione ALESSANDRA SILVESTRO
  • 9.15-10.15  GILBERTO DI PETTA Linguaggio, corpo e silenzio: gruppalità e mondanizzazione della cura
  • 10.15-11.15 RAFFAELE BARONE L’”Open Dialogue”, Psicoanalisi Multifamiliare e Comunità Terapeutica Democratica
  • 11.15 -11.30 pausa
  • 11.30-12.00 RAFFAELE BARONE e GILBERTO DI PETTA Il Team Riflessivo. Esplorazioni nell’Open Dialogue
  • 12.00-13.30 Conversazione dei relatori con il Team Riflessivo sui temi della giornata.

Il presente seminario si svolgerà in FORMATO WEBINAR:

LE ISCRIZIONI SONO CHIUSE

COSTI

Ecco i prezzi della SINGOLA GIORNATA

Iscrizione giornata singola:
€ 40 (IVA inclusa) in videoconferenza
€ 20 (IVA inclusa) ALLIEVI COIRAG ALTRE SEDI
Ricordiamo che il presente seminario fa parte del ciclo accreditato ECM
con ASVEGRA PROVIDER.

I RELATORI

Raffaele Barone Direttore Dipartimento Salute Mentale Caltagirone e Palagonia. Psichiatra, Gruppoanalista esperto negli approcci Open Dialogue, Psicoanalisi Multifamiliare, Comunità Terapeutica Democratica e nel l’inclusione sociale e Lavorativa di utenti con grave malattia mentale. Componente del Board Internazionale di Londra INDTC. Docente COIRAG.

Gilberto Di Petta  Neurologo e Psichiatra di formazione fenomenologica. Già Direttore dell’U.O. Doppia Diagnosi-Centro Giano ASL NA 2 Nord, è Dirigente Medico presso il SPDC del P.O. “Santa Maria delle Grazie” di Pozzuoli, DSM ASL NA 2 Nord. Presidente della Società Italiana per la Psicopatologia Fenomenologica, Redattore capo della Rivista “Comprendre”.

Alessandra Silvestro Psichiatra, psicoterapeuta individuale e di gruppo in istituzione; Presidente ASVEGRA; Docente di Psicopatologia 2 presso la Scuola Coirag, sede di Padova e già Docente di Psicopatologia Descrittiva presso l’Università Iusve sede di Mestre (Ve). Dirigente Medico presso il 1° Servizio Psichiatrico Padova dell’AULSS 6 Euganea (ex Ulss 16) e Responsabile del CSM del suddetto servizio, è inoltre Referente dell’attività di formazione del Dipartimento di Psichiatria di Padova. Vai al profilo completo

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Spazio e tempo per le parole che curano. Il gruppo: un ponte tra individuo e istituzioni”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Allegati
98dpdfbf5e
Condivisione